17/05/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaconlospago_3.jpg

Carissimo cainate,

io nunnaggio mai creduto a quei strafazzei ca cuanno li pigliano sul fatto dichiareno piena fiducia nela giustizzia. Nun elluero tanto ca si la scampano avessara dice pesta eccorna dela giustizzia ca li ave sotto posto a spesate e malecapa e immece continuana addire io aggio fiducia ca significa dio ci scanzi ellibberi da chesta gente.

Maperò questa volta voglio esse io addire ca tengo fiducia nela giustizzia ennò perchene chisà che ciaggio da difende. Al mio penziere è stato giusto ca è fenuta una zeza la quale sembre la donna ave sfrutato quel povero fesso caè luomo di natura ca dal tempo di Adamo Edeva cera creduto sembre ala femena senza sapere ca essa era ispirato dal demonio.

Camò ti spieco. Il giudice avea ditto ca adda fenisce chesta storia ca cuanno la femena singrapiccia e vole lassare il marito leggittimo e materiale una vota sinventava ummale ecapa mò sinventa il divorzio perchene accussì si piglia la libertà di putanesimo perchene nisciuno pote dice ca mete le corne al marito epperò ci estorce a chilo povero strunzo tuta la moneta ca ci serve a essa peffare la bella vita. Al mio penziere e dimmi si sbaglio la donna ci faceva uno sfreggio al marito purtannolo in tribbunale e lo soto poneva al suo capriccio ca si una vota era chella cosallà ca si pote dice caè una cosa piacevole mò addeventava una schiavitù. Tu ome dovevi portare ala femena tanto al mese tornando ammani vuota.

Ave ditto il giudice ca questa zeza adda fenire e chesto mi pare una vera giustizzia. Tu femena ài vuluto la parità emmò tiastà. Ognuno campa co quelo ca riesce a guadambiare. Senza dice ca si tu femena ai lassato il marto perchene nun funzionava chiu e ti si missa co un altro strunzo che si crede di riuscire a soportarti per la vita eterna mo ietta usango affatià e ti truverai un stipendio ala fine del mese e puro una penziona affine vita.

Io credo ca questa sentenzia la quale io aplaudo cunvintamente face bene puro ale conomia nazzionale perchene una  certa cifra lome fatto curnuto se la pote spenne in qualche piacere dela carne comaddire un ristorante una pizzeria una vaganza al mare e accussì la moneta circola.

Si fosse permene mettesse una legge cola quale la femena adda campà cu 80 evere al mese. E ciadda abbastà. Le mamme nostre mango chello tenevano e ciabbastava e nun si lamentavano si lu marito faceva qualche libbera uscita di pascolo abbusivo perchene addice la verità turnava chiu imbarato e ce ieva bona puro a essa a provare nuove emozzione.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."