04/10/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaemigrante_4.jpg

Carissimo cainate,

la iacuvella dela mangipazzione dela donna è tuta una manovra alo scopo di convingere luomo ca isso adda scommutare i suoi peccati. Inzomma la storia sarria ca luomo ave sembre approfitato dela debbolezza dela donna laquale nonnave potuto dimostrare tuta la sua perzonalità perchene luomo la teneva affreno.

Al mio penziere io dicesse ca si lumanità bene o male è andata avante sarrà stato propetamente perchene cera un uomo cole redene immano. Lo scatafascio è stato cuanno luomo ca è di natura propetamente nustrunzo selera fatte levare le redene dali mane e la donna diabbolica ca nunnaspettava di meglio se lera pigliate emmò nunnè vole chiu mollare.

Si dice ca la donna ave  lottato per la mangipazzione e stace scritto in certi libbri ca esse ievano a fatiare nela miniera di zurfo di Altravilla Arpina la quale esse purtavano le sacchette di zurfo in capa ma nò pe sfrutamento sulamente perchene esse le donne sapevano purtare cola sparra già le langelle daqua fresca e alora il patrone sparambiava puro le spese dela carriola.

Ma perchene propetamente la donna dela miniera ci piaceva affare quel lavoro? Pepprima cosa per la moneta la quale aiutava la famiglia e si accattava qualche sfizzio umano come una colana o nu paro di recchini. Ma pringipalmente perchene nela miniera li uomeni fatiavano annuri e chesto nisciuno strunzo dice ca era una umiliazzione ca si protegeva il membro virilo sulamente cu nastuccio di canna ma proprio uardanno a quela parte del corpo umano la femena scanagliava quelo ca nunnera pussibile data la ducazione riggida ca la donna a chiachiere nulo doveva mango penzare a quello battaglio ca stace appiso mieze eccosse di un essere vivendo di natura masculo.

Chesta era la vera mangipazzione dela donna e la cosa sera saputo cuanno certi strafazzei puro da altre parte dela mia cara Italia ievano al paese dela miniera in cerca di facile fortuna.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."