04/10/2017

Molte le opere in corso ma anche tante polemiche

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/antoniomichele2017.jpg

La bella cittadina di Pesco Sannita sta vivendo un momento di grande fermento con tante opere pubbliche già realizzate e altre in via di ultimazione. Molte di queste, come lo zoo, sono finalizzate ad attrarre turismo. In tanto fervore non mancano però le polemiche ed è proprio per questo che abbiamo voluto incontrare il sindaco Antonio Michele al quale abbiamo posto alcune domande.

Sindaco Michele, perché lo scorso 18 agosto non è stato festeggiato San Rocco?

E’ stata una precisa scelta del parroco festeggiare San Rocco nel giorno della sua ricorrenza effettiva, che è quella del 16 agosto.

Perché si sono innescate in paese tante polemiche in merito all’ex asilo delle suore?

Intanto, l’asilo è una struttura di fondamentale importanza per tutta la comunità pescolana, soprattutto per la sua valenza storica, che ha rappresentato nel tempo. La stessa, comunque, è di fondamentale importanza per la programmazione dell’amministrazione comunale in prospettiva di future attività, che possono costituire volano per la nostra aomunità.

A quanto ammonterebbe l’intera operazione?

A 290.000,00 euro da finanziare in parte con fondi derivanti da sponsorizzazioni e la parte restante finanziata da un mutuo che non andrà ad incidere, in alcun modo, sulle casse del Comune in quanto ci siamo già attivati per estinguere altri mutui pregressi.

E’ stato già stipulato il contratto di acquisto?

Il contratto di acquisto non è stato ancora stipulato con i proprietari dell’immobile. Per il momento, l’amministrazione è solo interessata ad acquistarlo.

In merito ai progetti di recupero di immobili e al colore delle facciate delle case, cosa ci può riferire?

Il recupero e la riqualificazione del borgo storico sono fondamentali per dare un nuovo tocco all’estetica della parte antica del paese. Questi progetti riguardano soprattutto il nucleo storico, ovvero la parte antica di Pesco Sannita. Sul rifacimento delle facciate, i cittadini potranno beneficiare del 100% dei contributi che saranno tutti a carico della Regione Campania. Mentre le attività economiche avranno il 70% finanziato dalla Regione, il restante 30% sarà a carico degli imprenditori.

Quanti profughi, esiliati e rifugiati arriveranno a Pesco Sannita?

E’ stato già approvato il piano SPRAR che prevede l’accoglienza per 15 persone facenti parte di nuclei  familiari con minori.

A cosa verrà destinata l’ampia sistemazione dei terreni comunali all’ingresso del paese?

Il recupero dell’area Gescal in via don Bosco lo abbiamo realizzato con i fondi di accelerazione della spesa. E’ un’area ricreativa con spazi attrezzati.

Qual altre opere pubbliche sono state già realizzate e quali ancora in via di ultimazione?

La piscina comunale è già stata realizzata e così anche il campo di calcetto in località Sant’Angelo. La parte restante dell’impianto sportivo è da completare.

E in merito al trenino turistico,  che transiterà anche per la stazione ferroviaria di Pesco Sannita, cosa può rappresentare per l’economia locale?

E’ una scommessa che dobbiamo cogliere tutti insieme. Se come territorio saremo capaci di offrire delle iniziative valide e riuscire a valorizzare le nostre eccellenze potremo avere dei risultati senz’altro positivi.

Un’ultima curiosità, al Comune va tutti i giorni?

Sì, sono presente tutti i giorni in Comune! Infatti, la prima parte della mattinata è dedicata soprattutto ai rapporti con gli uffici istituzionali e con altri enti pubblici. Poi ricevo i miei concittadini.

ANTONIO FLORIO

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Politica"